Privacy Policy Urbino, borgo d'Italia, la città di Raffaello

Urbino, borgo d’Italia, la città di Raffaello

Urbino nelle Marche, borgo antico, patrimonio mondiale dell’Unesco  

Arroccata su una delle colline marchigiane, Urbino nelle Marche è un piccolo borgo rinascimentale che delizia sia gli appassionati di storia sia i buongustai. La sua architettura, la sua arte e la sua storia competono con tutti i famosi capolavori in giro per l’Italia. Il desiderio profondo del Duca di Montefeltro fu il volano decisivo della nascita e lo sviluppo di questo borgo antico. Da quel momento avranno inizio una serie di interventi urbanistici destinati a cambiare il volto della città. Attrarre artisti e studiosi di spicco da tutta Italia e oltre: durante questo periodo Urbino divenne un epicentro culturale.

Urbino Marche
Urbino

Ovviamente, il tutto fu anche fortemente influenzato anche dalla presenza di Raffaello Sanzio, che nacque e visse lungamente in queste zone. Le notevoli quantità di danaro messe a disposizione dal duca di Montefeltro dettero smalto a questo Rinascimento culturale creando il complesso urbano del centro storico di Urbino, patrimonio mondiale dell’Unesco, che si può visitare oggi.

Urbino Marche: cosa vedere

Palazzo Ducale: uno dei più bei palazzi rinascimentali italiani, il Palazzo Ducale è stato inserito nel 1998 come parte del patrimonio mondiale dell’UNESCO nel centro storico di Urbino. uno dei luoghi più importanti della storia dell’arte e dell’architettura. Un susseguirsi di emozioni, ad ogni stanza, ogni ambiente, ogni quadro. Noi consigliamo vivamente di prendere una visita guidata per apprezzare a pieno questo gioiello.

urbino
Urbino
Urbino
“Chi arrivi a Urbino ignaro e della sua storia e della sua importanza si trova di fronte a una sorpresa straordinaria, anzi a un miracolo. Nel giuoco delle colline che sopportano le strade d’accesso ecco che appare un palazzo fatato che il tempo non ha sfregiato né intaccato. È un salto indietro nel tempo, un tuffo nella purezza e nella libertà dello spirito.”
(Carlo Bo)

Oratorio di San Giovanni Battista: Da visitare senza fretta, noi consigliamo di prendere del tempo, sedersi su una delle tante sedie e godersi tutti gli angoli, gli affreschi che illuminano questo piccolo gioiello urbinate. I dipinti all’interno dell’oratorio sono un eccellente esempio dell’influenza dell’arte gotica nelle Marche. Dipinti da due fratelli, Lorenzo e Jacopo Salimbeni, gli affreschi risalgono al 1416. Non finirono i lavori che furono terminati successivamente da Antonio Alberti da Ferrara.

Casa Natale di Raffaello: Ci si arriva dopo aver percorso un breve tratto in salita. La casa dove nacque Raffaello è una fetta di storia del Rinascimento ed un luogo che si deve mettere tra quelli da visitare nel momento in cui si organizza un viaggio a Urbino. Visitare la casa natale di Raffaello è stato come ritornare a quei giorni, con oggetti privati, oggetti di vita quotidiana. Ricca di arte e storia. Mobili dell’epoca custoditi in maniera eccellente. Una casa dove l’arte la fa da padrona.

Parco della Resistenza: offre una vista imbattibile su Urbino città. Questo è il luogo ideale per catturare l’ultimo scatto prima di lasciare il comune di Urbino. Ubicato nel centro storico, il panorama che si vede dal parco di fronte alla fortezza è mozzafiato. Il parco è bellissimo, sempre curato, di fronte si può vedere la città di Urbino con i suoi torricini famosi in tutto il mondo. Dalla porticina che è sulla via Buozzi si accede alla fortezza facendo poche scale e si accede al grande parco. Per chi non ci è mai stato, possiamo segnalare che nella via Buozzi, il sabato mattina c’è il mercato cittadino con tante bancarelle dove si può trovare di tutto, dal vestiario alla frutta fresca.

Urbino dove si trova:

La città di Urbino si trova all’interno della Regione Marche. Noi consigliamo vivamente l’arrivo con la macchina. Se si decide di venire in treno, conviene prima arrivare ad Ancona. Quindi da Ancona prendere il treno per Pesaro o Fano. Da lì, raggiungere Urbino in autobus.

Se amate le strade tortuose, questa rappresenta l’opzione giusta. Bisogna tenere sotto controllo un aspetto che non è assolutamente da sottovalutare. Il centro storico e i principali siti da visitare ad Urbino si trovano all’interno della zona a traffico limitato (ZTL). Le aree ZTL non sono accessibili in auto almeno che non si abbia un permesso.

Le alternative a disposizione sono soltanto due:

  1. Trovare un parcheggio fuori dalle mura della città, raggiungere l’alloggio a piedi
  2. Avere la struttura alberghiera all’interno delle mura che vi permetterà di lasciare il proprio mezzo nei pressi dell’alloggio.

Urbino cosa mangiare

Vicino all’Emilia Romagna e situato nel cuore del paese del tartufo, Urbino è la destinazione perfetta per gli amanti del cibo. Arrivando ad Urbino abbiamo la certezza di visitare una delle zone, una delle due regioni del tartufo riconosciute dal governo italiano.

Tartufo

Se si è amanti del tartufo noi consigliamo vivamente di organizzare una breve gita fuori porta: Aqualagna, sede di una delle più grandi feste del tartufo in Italia che si tiene ogni autunno. Sappiate che se organizzate un viaggio tra novembre e febbraio, provare un menu degustazione di tartufo bianco fresco diventa quasi un obbligo.

Caciotta & Crescia Sfogliata

Sicuramente l’acquolina in bocca è molta, aggiungiamo un carico con la caciotta alla nostra partita di carte a tavola. È un formaggio fresco a pasta molle fatto con latte di capra e una piccola quantità di latte di mucca. La ragazza posto che ci ha servito, ci ha suggerito di gustare quest’ultima all’interno di una crescia sfogliata.

La crescia sfogliata è una focaccia speciale di Urbino che risale al Rinascimento. Realizzato con farina, pepe e uova presenta molte somiglianze con la piadina tipica della Romagna. Se non sei un fan del formaggio fresco ma preferisci qualcosa con qualche anno in più la scelta non può che ricadere sul famoso Pecorino di Fossa.

Pecorino di fossa

Il Pecorino di Fossa è prodotto con latte di pecora. Viene lasciato nelle grotte lungamente con metodi simili a quelli usati oltre cento anni fa. Il suo sapore ricco e robusto lo rende perfetto anche un abbinamento perfetto con il miele locale prodotto nella vicina catena montuosa dell’Appennino.

Prosciutto di Carpegna

Se siete amanti del prosciutto, ci si deve dirigere verso Carpegna che si trova nella parte più settentrionale della provincia. Il Prosciutto di Carpegna è delicato e dal sapore burroso. Viene prodotto solo in questa zona vicino a Urbino. Pertanto è difficile da trovare oltre i confini di Pesaro-Urbino in quanto non è ampiamente venduto al di fuori della provincia.

Vini della zona

Quando si tratta di vini si deve assaggiare il Bianchello del Metauro. Il Bianchello del Metauro è un vino DOC che si abbina bene ai piatti tradizionali presenti in queste zone. Non è solo fresco al palato, non troppo dolce, lo rende un abbinamento perfetto con le pietanze del luogo.

Dove dormire a Urbino

Noi consigliamo vivamente di soggiornare nel centro storico di Urbino, si dimostra una ottima scelta perchè garantisce un facile accesso ai principali siti storici ed ai migliori ristoranti della zona.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Social Share Buttons and Icons powered by Ultimatelysocial
Vai alla barra degli strumenti