Casa Museo Luciano Pavarotti a Modena

La Modena di Luciano Pavarotti. Visita alla sua casa Museo

Una strada stretta tra i campi appena fuori dalla città di Modena, ci conduce alla Casa Museo Luciano Pavarotti, tenuta che il maestro aveva voluto per sé e per la sua famiglia. Dimora su più livelli con tanto verde intorno, finito di edificare nel 2005, costruito con materiali e forme tradizionali, ma con tocchi di design unici voluti dal buon Luciano Pavarotti. Tutto studiato nei minimi dettagli, numerosi artigiani (fabbri, falegnami, decoratori) hanno creato prodotti ad Hoc seguendo i dettami del tenore.

Aveva voluto fortemente quella casa, quelle mura lontane dal centro della città per intrattenere gli amici, insegnare ai giovani cantanti e godersi i ritmi lenti della vita familiare.

La Casa Museo Luciano Pavarotti si trova fuori dai sentieri battuti nella splendida cornice verde di Modena. Si tratta di una casa su quattro livelli (seminterrato e 3 piani) perfettamente tenuta e molto ben organizzata.

Casa Museo Luciano Pavarotti

Tutti abbiamo conosciamo e sentito parlare del maestro Luciano Pavarotti: un uomo che, grazie alla sua impressionante voce, ha raggiunto una fama internazionale già a partire dagli anni ’60-70. Purtroppo a Luciano Pavarotti a causa di una grave malattia ci ha lasciato il 6 settembre 2007, a oggi ci rimangono l’immensa quantità di ricordi che possiamo ascoltare oppure vedere ripetutamente.

L’ultima apparizione pubblica di Pavarotti fu il 16 gennaio 2007 durante un programma televisivo italiano che tutti conosciamo: il buon Bruno Vespa accolse per l’ultima volta durante una delle tante puntate di “Porta a Porta”, le sue ultime parole durante la registrazione furono: “No, non mi stancherò mai di imparare fino alla fine dei miei giorni”.

Casa Museo Pavarotti

Oggi, a distanza la casa dove visse negli ultimi anni della sua vita è stata trasformata in museo dalla moglie Nicoletta Mantovani: Casa Museo Luciano Pavarotti. La moglie ha aperto le sue porte al pubblico nel 2015 per dare a tutti la possibilità di far conoscere l’uomo Luciano che ha cambiato per sempre il volto della lirica con le vesti del grande Pavarotti.

Casa Pavarotti

La prima impressione che si ha nel momento in cui si varca la porta della Casa di Pavarotti è quella di essere in un ambiente familiare. Custodisce nel migliore dei modi tutto ciò che Luciano amava, piccole e grandi cose, in clima unico come se non si volesse rovinare l’atmosfera casalinga della casa museo. Alcune stanze sono state lasciate nello stesso modo di quando il Grande Maestro viveva tra quelle mura domestiche. 

Non è retorica, è emozionante muoversi attraverso le stanze della di Luciano Pavarotti. Si possono vedere molti dei suoi effetti personali, delle collezioni private, dei costumi, delle foto, delle lettere di celebrità con le quali aveva una fitta corrispondenza, delle lettere dei fans e dell’enorme numero di onorificenze e premi che ha ricevuto durante la sua carriera.

La Casa Museo Luciano Pavarotti offre uno spaccato molto personale della vita del tenore. La musica ed i video che vengono diffusi in tutta la casa arricchiscono ancora di più l’esperienza; la visita regala l’emozione di ripercorrere per davvero tutta la sua vita.

Casa museo Luciano Pavarotti
Casa museo Luciano Pavarotti

Casa Museo Pavarotti Modena

Una volta varcato l’ingresso vi verrà fornita un’audio-guida che è inclusa nel prezzo di ingresso ed è disponibile in diverse lingue. Le stanze in totale sono 15, tenete conto che per completare la visita sono necessarie almeno un paio d’ore. 

Il museo colpisce per il suo ordine, sin dal salone principale si riesce a capire quali fossero le abitudini del Grande Maestro. Qua era solito accogliere amici, condividere il tempo con loro giocando a carte, oppure semplicemente pranzare.

Dopo aver fatto un salto nella cucina si può salire al primo piano dell’edificio, si entra nella stanza numero 3, quella dell’enorme lucernario; non si può non notare una grande apertura nella zona del sottotetto, ideata e fatta costruire per catturare i primi raggi di sole che illuminavano la casa sin dalle prime ore del mattino. Dando un’occhiata si possono ammirare i numerosi premi e riconoscimenti conferiti, fra i quali 6 Grammy Award, l’equivalente dei premi Oscar del cinema.

Museo pavarotti
Museo Pavarotti

Un’altra stanza che colpisce è la stanza numero 8, situata all’ultimo piano della dimora di Big Luciano. Stiamo parlando di un open space, in questa sede sono conservate fotografie e lettere di Pavarotti con illustri celebrità mondiali. Bono Vox, Lady Diana e Elton John solo per citare i primi che ci sono venuti in mente. Siamo di fronte a un elenco infinito di persone che hanno scritto per ringraziare, per celebrare le sue gesta.

Prima di uscire dalla stanza osservate con attenzione i video che riproducono costantemente le esibizioni di Pavarotti assieme agli altri due tenori di fama internazionale conosciuti con il nome di José Carreras e Placido Domingo.

Le stanze si susseguono una dopo l’altra, tutte molto interessanti, che ti fanno tornare alla mente le mille volte che lo hai visto in televisione oppure su uno dei tanti giornali, invece quando si scende nel sottosuolo con l’ascensore al piano -1 troviamo la stanza 10 dove sono presenti solo una piccola parte dei migliaia di regali dei fan da ogni parte del mondo. La Stanza dei Fan è unica nel suo genere perché, ti permette di lasciare una dedica, qualche riga al Grande Maestro. Sul tavolo avrete a disposizione tutto l’occorrente per scrivere, disegnare… Anche noi abbiamo lasciato il nostro piccolo contributo, poche semplici parole per ricordare il Grande Maestro Luciano Pavarotti.

Quando nacque, Dio gli baciò le corde vocali<span class="su-quote-cite">Herbert Von Karajan</span>

L’ultima stanza della casa

Prima di uscire, dobbiamo entrare nella stanza che ci riporta indietro negli anni, bisogna andare a cavallo del nuovo millennio per la precisione tra il 1992 ed il 2003 quando Modena è stata teatro del più grande concerto benefico conosciuto da tutti con il nome di Pavarotti & Friends.

Il grande tenore l’aveva pensata in grande, un enorme evento che servisse a finanziare numerosi progetti umanitari in favore di tante persone bisognose.

Museo Pavarotti Modena

Quello che vi abbiamo raccontato è solo un piccolo estratto di quello che si può vedere visitando la Casa Museo di Luciano Pavarotti a Modena. Il nostro consiglio è quello di visitare la dimora quanto prima, siamo certi che vi potrete tante togliere tante curiosità.

Quando si lascia Casa Pavarotti, la voce dell’audio-guida vi ringrazierà dicendo: “Grazie per aver visitato Casa Pavarotti”, la vostra risposta non potrà altro che essere: “Grazie a te Maestro, di tutto”.

La Casa Museo Luciano Pavarotti si trova in:
Stradello Nava 6
41126 Modena, Italia
Sito web: www.casamuseolucianopavarotti.it

Casa Museo Luciano Pavarotti Orari

Tutti i giorni dalle 10.00 alle 18.00 (ultimo ingresso 17.15)

Giorni di chiusura: 1 gennaio, 24 e 25 dicembre

Casa Museo Luciano Pavarotti Prezzi

  • Adulti € 10,00
  • Ridotto € 8,00
  • Bambini (Sotto i 12 anni) Gratis

Il biglietto a tariffa ridotta è garantito a:

  • Over 65 anni
  • Giovani tra i 12 e i 18 anni
  • Gruppi di almeno 20 persone*
  • Abbonati al Teatro Comunale Luciano Pavarotti di Modena
  • Touring Club Italiano
  • FAI
  • Studenti della Scuola Romanica
  • Card Cultura
  • Disabili e accompagnatori
  • Studenti universitari dietro presentazione del tesserino di riconoscimento

Altre informazioni

Il Comune di Modena ha concordato una tariffa convenzionata per coloro che volesse visitare il museo usufruendo del taxi. La cifra è pari a 40.00 Euro per andata e ritorno e un’ora di attesa per la visita al museo.

Casa Pavarotti

Check Also

francesco baracca

Museo Francesco Baracca. Visita all’Asso degli Assi

Francesco Baracca: Esplorando il Coraggio del ‘Cavaliere del Cielo’ al Museo dedicato all’Eroe dell’Aviazione Gli …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.