Privacy Policy Cappella degli Scrovegni | Giotto ed il mistero dei templari

Cappella degli Scrovegni | Giotto ed il mistero dei templari

Giotto dipinge la Cappella degli Scrovegni – Cosa vedere

Avevo da poco cominciato il mio percorso universitario, quando mi giunse alle orecchie la terribile notizia che un terribile terremoto aveva colpito alcuni edifici storici in Umbria, per la precisione la basilica di San Francesco d’Assisi. Il mio insegnante di storia dell’arte era è entusiasta delle opere di Giotto e ricordo la sua preoccupazione per gli effetti che avrebbe causato. Qualche giorno dopo, aveva preparato una lezione tematica, su Giotto, sulle sue opere, da lì ho incominciato ad amarlo. Scattò la scintilla, mi ero innamorata della Cappella degli Scrovegni.

Ne avevamo sentito parlare decine di volte ma non avevamo mai avuto la possibilità di visitarla, di apprezzarla nella sua interezza. Questa magnifica cappella fatta erigere da Enrico Scrovegni era forse più che un semplice luogo di culto ? Quali legami c’erano con Giotto e quali con i Templari ? Prima di provare a rispondere a queste domande facciamo un passo indietro.

Cappella degli Scrovegni prenotazione:

Nel momento in cui si decide di organizzare una visita è meglio prenotare la visita; fortemente consigliata la prenotazione sul sito. Un particolare molto importante: non è possibile effettuare la prenotazione per il giorno stesso.

cappella scrovegni prenotazione
prenotazione cappella degli scrovegni

Cappella degli Scrovegni prezzi biglietti:

Il Biglietto ha un costo di Euro 13, sono previste delle riduzioni da consultare sul sito. Se proprio dobbiamo essere sinceri la visita ha un solo difetto: la brevità. In trenta minuti, si accede, un breve video ci farà da intro, entriamo dentro la cappella per la visita, un breve segnale ci avviserà che il tempo a nostra disposizione è finito. La visita è terminata, mestamente dovremo accomodarci verso l’uscita.

Cappella degli Scrovegni orari:

La Cappella degli Scrovegni è aperta sempre dalle 9.00 alle 19.00 tranne Natale, Santo Stefano e Capodanno. Cercate di arrivare almeno 5-10 minuti prima dell’orario di visita indicato sul biglietto.

Cappella degli Scrovegni Padova – Info

Una volta acquistato il biglietto in attesa del nostro turno, abbiamo lasciato le nostre cose in uno dei tanti armadietti, obbligatori ma gratuiti. Avevamo ancora qualche minuto a nostra disposizione, approfittiamo per fare un salto nello shop che ha molte cose carine e ci prendiamo un veloce caffè nella caffetteria che sta proprio a fianco. Entriamo in una specie di sala d’attesa, l’aria è climatizzata, lì possiamo guardare un breve video che ci spiega qualcosa della cappella.

Da leggere con attenzione
Non è consentito alcun ritardo perché la porta di questa stanza si chiude e si riapre solo 15 minuti dopo, ovvero se sei in ritardo, non potrai accedere e dovrà essere acquistato un altro biglietto.

I dipinti di Giotto lasciano a bocca aperta, Quando si parla di uno dei maestri della pittura, il pensiero va agli affreschi della basilica di San Francesco di Assisi; ma quando si visita la Cappella di Padova, si rimane altrettanto estasiati di fronte a tanta maestosità !

Se non si venisse sollecitati ad affrettarsi, per far posto alla marea di visitatori in attesa, ci si dimenticherebbe di uscire ! Interamente affrescata da Giotto, colpisce per l’effetto cromatico (il blu ti lascia senza fiato, è indescrivibile), l’espressione delle figure, la precisione del dipinto (i drappeggi degli abiti) e la perfezione delle proporzioni e di tutto l’insieme. Giotto dipinge, con il suo tocco trasmette tutto il suo stile ed abilità.

Cappella degli Scrovegni descrizione

Uno dei luoghi più importanti dell’arte mondiale si trova in Italia, in Veneto: per la precisione a Padova. La leggendaria Cappella degli Scrovegni, è uno dei gioielli dipinti da Giotto, immenso maestro fiorentino. Sulle sue pareti e sulle sue volte, sono state composte una delle sue opere più belle e ancora oggi ricche di mistero. I dipinti che risalgono agli inizi del 1300, presentano caratteristiche singolari. La cappella nasce come atto di riparazione; il committente Enrico Scrovegni discende da una famiglia odiata di banchieri padovani. Il padre Reginaldo verrà addirittura collocato da Dante nel settimo cerchio dell’Inferno nel girone degli usurai.

Per riabilitare la sua famiglia fu chiesta la costruzione di questa cappella per consacrarla alla Madonna della carità, ma già in corso d’opera viene considerata un capolavoro a tal punto che Papa Benedetto XI garantiva l’indulgenza a coloro che l’avessero visitata. Giotto era considerato un maestro assoluto per la modernità dei suoi soggetti, non a caso viene considerata come una delle sue più grandi prove pittoriche: la prospettiva per dare un senso di profondità. Questa non fu l’unica curiosità, c’è molto altro come ad esempio la cometa di Halley, da lui probabilmente osservata nel passaggio del 1301.

Oggi sappiamo, per certo, che la cometa di Halley passò nel 12 A.C., ed è generalmente accettato che la stella di Betlemme non fosse altro che un eccezionale allineamento tra Giove e Saturno. Giotto come faceva a saperlo se Keplero lo scopri solo qualche secolo più tardi, nel 1600 ? Non è tutto, ci sono altri misteri: le luci in determinati giorni creano precisi effetti visivi: secondo il calendario Giuliano vigente all’epoca ad esempio nel giorno di Natale, la luce dalla finestra sopra all’altare giungeva sino alla parete di fronte illuminando l’aureola del Cristo al centro del Giudizio Universale.

L’8 Settembre invece, festa dedicata alla nascita di Maria, alle 9,30 da un foro si illuminava il volto della Vergine. Lo stesso accadeva il 25 marzo, quando la luce illuminava la figura di Enrico Scrovegni nell’intento di offrire la cappella alla giovane Maria.

Giotto dove ha potuto attingere a tutta questa serie di informazioni ?

Ma c’è un ultimo mistero che si annida con i dipinti di Giotto e della Cappella degli Scrovegni: interessi economici e politici che vanno al di là della città di Padova sino a raggiungere i forzieri delle più grandi realtà dell’epoca. Stiamo parlando dei templari. Se ci fate caso gli scranni non sono guardano l’altare maggiore, bensì ad una sala conciliare che ha le funzioni religiose. Decisamente anomala anche la sequenza delle tre virtù con la carità posta al centro tra la fede e la speranza, come espresso da Bernardo da Chiaravalle il santo che scrisse la regola dei cavalieri templari.

Cappella degli Scrovegni
Cappella degli Scrovegni

La croce templare appare in tre punti distinti, dipinta su tre altari minori, scolpita sulla tomba di Scrovegni, intarsiata nel marmo, piccola ma decisamente visibile sotto l’affresco del giudizio universale. Quanti e quali segreti sono ancora conservati all’interno della cappella degli Scrovegni ? Le risposte sembrano celarsi all’interno della volta celeste che sovrasta tutti i visitatori che varcano la soglia dell’ingresso.  

Dopo più di settecento anni la Cappella degli Scrovegni resta un patrimonio unico con mille segreti da svelare…

cappella degli scrovegni orari e prezzi
Affresco di Giotto

6 comments

  1. Che bella! La terró da conto per quando verró a Padova, città che voglio visitare assolutamente! 🙂

  2. E’ tantissimo che è in lista.. dev’essere veramente splendida..

  3. Sono stato a Padova una sola volta per una visita fugace; devo ritornare e, nell’occasione, spero di visitare questa meraviglia. Grazie per il suggerimento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Leonardo Pavese C.F. PVSLRD74L21D612F Elisa Grillo C.F. GRRLSE76C66D612G
Social Share Buttons and Icons powered by Ultimatelysocial
Vai alla barra degli strumenti