Privacy Policy Pasteis de Nata - Pastel de Belem di Lisbona
Home / Racconti dal mondo / Portogallo / Pasteis de Nata – Pastel de Belem di Lisbona

Pasteis de Nata – Pastel de Belem di Lisbona

Pasteis de Nata – Dolci portoghesi

Casa Pastéis de Belém leccatevi baffi e preparatevi ! 

pasteis de belem
pasteis de belem

Non potete dire di essere stati a Lisbona finché non avrete provato almeno una volta il pasteis de nata, tipico dolce portoghese, una vera e propria bontà. Stiamo parlando di quei piccoli cestini di pasta sfoglia con crema pasticcera che riempiono le vetrine di tutte le pasticcerie e caffè della città.

Si ritiene che siano nati prima del diciottesimo secolo dai monaci cattolici del Monastero dos Jerónimos di Belém. Leggenda narra che nel corso del medioevo, specie nei conventi e monasteri del Portogallo si producevano grandi quantità di uova. L’albume veniva usato per inamidare i vestiti delle monache oppure per rendere più chiari alcuni vini, come il Porto.

Era abbastanza comune invece che i tuorli venissero usati per produrre dolci, con la conseguente e inevitabile proliferazione di ricette di pasticceria in tutto il paese.

Per nostra fortuna questa tradizione è rimasta tale anche in tempi moderni ed abbiamo avuto la fortuna di assaggiarla in varie occasioni ma secondo noi il migliore indirizzo nella capitale lusitana è quello presso la Casa Pasteis de Belem. I pasteis qui sono gli originali, prodotti fin dal 1837.

Pasteis de Belem Lisbona

Il tradizionale panificio aperto nel 1837 e si trova a Belém, una bellissima parte di Lisbona. Sono il posto più famoso dove mangiare questi tipici dolci portoghesi, aspettatevi lunghe code, almeno che non riusciate ad andare in orari strategici. Spesso la fila arriva sulla strada, e non solo di turisti. Per ovviare alla grande richiesta vengono sfornate ogni giorno oltre 20 mila dolcetti.  E’ una tappa OBBLIGATORIA per chi va a Lisbona, segnatevi con un circoletto rosso questa sosta. Da quando ha vinto per diversi anni il premio per i migliori pastéis de nata del mondo è entrata anche nelle guide per viaggiatori non si contano più le persone che affollano i locali tutti i giorni.

Casa Pastéis de Belém
Casa Pastéis de Belém

Terminata l’attesa, mettetevi comodi in uno dei tanti tavoli che ci sono a disposizione. Pasteis de Belem merita sicuramente una visita, anche per assaporare solo per un attimo la Lisbona antica,  sedetevi comodi e ordinate i “pastel de nata” con zucchero e cannella, ad un prezzo irrisorio. Il cameriere dopo qualche minuto arriverà con un piatto con una piccola composizione di questi dolci speciali da mangiare sul momento: la crema è ottima e la pasta sfoglia molto friabile e saporita; gustate i pastel de nata tiepidi… sarà un’ esperienza meravigliosa.

Belem Portogallo | Dolce Sosta

Se la vostra pausa non vi ha tolto completamente lo sfizio, potete anche anche valutare l’idea di portarne via alcuni visto che vengono anche fatte le confezioni da asporto, da mangiare con calma durante la passeggiata per Lisbona. Le Pastel de Belem si possono conservare sotto una campana di vetro per un paio di giorni.

Vista la numerosa quantità di gente che affolla questo locale noi consigliamo la visita al mattino, Lisbona Belem sono un binomio perfetto magari a metà mattinata così da potervele gustare con tranquillità accompagnate da qualcosa da bere che sorseggerete in assoluto relax.

Altrimenti, provate a chiudere gli occhi, provate a consultare una delle tante pastel de nata ricetta disponibili in rete e sognando le strette vie dell’Alfama ce le mangiamo a casa con la nostra famiglia oppure qualche buon amico che ancora non ha visitato la città di Lisbona.

pasteis-de-belem-ricetta
pasteis-de-belem

2 comments

  1. La prossima volta provali alla Mateigaria e vedrai che “differenza” ?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Social Share Buttons and Icons powered by Ultimatelysocial
Vai alla barra degli strumenti