Privacy Policy Giro del Lago di Resia in bicicletta. Storia del campanile

Giro del Lago di Resia in bicicletta. Storia del campanile

A cavallo della bici facciamo un giro del Lago di Resia andando alla scoperta del suo campanile

In Alto Adige c’è un lago con una storia veramente particolare che lo ha reso molto famoso: il Lago di Resia. Salito alle ribalte delle cronache, nel corso degli ultimi anni grazie alla sua curiosa torre che si erge dalle acque e si fa notare nello specchio d’acqua della Val Venosta. Resia si trova a 1498 metri sul livello del mare ed il suo lago è il più grande dell’Alto Adige. Ricco di storia, a promuoverlo ancora di più è stata la famosa piattaforma Netflix; che ha realizzato una serie chiamata Curon dove vengono raccontati i simboli e le curiosità di questo famoso luogo. Noi proviamo a raccontarvelo facendo un giro del lago di Resia in bicicletta. 
giro del lago di resia
giro lago di resia

Storia del Lago di Resia

Dietro questo bellissimo paesaggio fotografato su diverse cartoline, si nasconde una storia dolorosa.

Negli anni ’30, una grande diga per la produzione di energia idroelettrica che unirebbe due dei bacini naturali di Resia. Questo lavoro permetterebbe all’acqua di ristagnare fino a 22 metri. In questo progetto la popolazione di Curon e Resia è stata totalmente dimenticata. Con l’inizio della seconda guerra mondiale il progetto fu abbandonato e si credeva che sarebbe stato così per sempre, tuttavia dopo la guerra il progetto fu ripreso. Così, all’inizio degli anni ’50, furono sommersi quasi 700 ettari di terreno. Gli abitanti in nome dell’interesse nazionale per il rafforzamento dell’industria italiaca persero i loro averi e furono costretti “alla fuga”. Privi di un equo risarcimento, costruirono un posto nuovo a pochi chilometri di distanza, chiamato Curon Venosta e iniziarono così una nuova vita.

L’unica cosa che è sopravvissuta è la campana della chiesa romanica di Santa Caterina d’Alessandria, che risale al 1357. Gli abitanti della zona dicono che nelle notti d’inverno, quando il lago gela si può arrivare a toccare la torre e alcune persone anche dicono di aver sentito il rumore della campana.

Oggi questa chiesa nel lago con il suo campanile sono diventati un simbolo della città e attira ogni anno migliaia di turisti. In inverno, sono numerosi i turisti che si avvicinano alla torre campanaria, muoverndo passi leggeri sul ghiaccio sul ghiaccio. In estate, invece, sono numerosi i kite-surf. I subacquei che si sono avventuratidicono che non c’è più molto da vedere sott’acqua, dal momento che il resto della città sommersa è diventato terreno per melma e fango.

lago di resia
lago di resia

Giro del lago di Resia pedalando

Arrivati di buon mattino al lago nella Val Resia, siamo stati accolti da un vento fortissimo che ci ha costretto nonostante si fosse in piena stagione estiva a coprirci abbondantemente con giubbotti e golf pesanti. Ci avevano suggerito di arrivare presto perchè verso metà mattina i parcheggi si riempiono di gente con pullman affollati e camper.

Decidiamo di fare immediatamente un salto sulla bici, fare un giro intorno al Lago di Resia. L’addetto al noleggio delle bici ci dice che il percorso circolare di 15 km è adatto anche ai bambini, non avremo difficoltà. Non sembra ma siamo a due passi sia dal confine austriaco che da quello svizzero con una vista invidiabile sul campanile nel lago

Aveva ragione, il giro in bici intorno al Lago di Resia ci conduce in un paesaggio da sogno. Il percorso si snoda lungo la sponda del lago, il tutto è prevalentemente pianeggiante, fatta eccezione qualche piccola e leggera salita. Non c’è bisogno di correre, quindi si può godere appieno dei colori offerti dalle montagne sullo sfondo e da quelli del lago, anche se qualche nube sopra di noi ci impedisce di godere della saturazione dei colori nella sua interezza. Con un paio di ore si riesce tranquillamente a realizzare l’intero percorso facendo anche qualche foto molto carina.
gita al lago di resia
gita al lago di resia
Riassumendo il giro del lago Resia:
  • Lunghezza: 15,3 km
  • Dislivello: 145 m
  • Livello di difficoltà: facile
  • Durata: circa 90-120 minuti a seconda del tempo che si dediche per fare qualche foto

Lago di Resia come arrivare

Lago di Resia dove dormire

Il nostro suggerimento è quello di soggiornare al Aktiv Hotel Edelweiss. La struttura si presenta in condizioni ottime. Il personale è cordiale, attenti al cliente, la camera suite confortevole con terrazzo panoramico sul lago di Resia.    

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Social Share Buttons and Icons powered by Ultimatelysocial
Vai alla barra degli strumenti