Privacy Policy
Home / Bimbi in viaggio: racconti dal mondo / Viaggio in Marocco in seconda classe

Viaggio in Marocco in seconda classe

Viaggio in Marocco in treno tra sole e dune

Marocco: Il treno scivola lungo il binario verso Fez, lento ma costante, attraversiamo tante zone vicine al deserto, il panorama sembra più o meno uguale. Grandi e piccole dune dominano il paesaggio fino all’orizzonte inframezzati da sporadici alberi. Come un caleidoscopio dorato, gli appezzamenti e il gradevole colore che ne viene è semplicemente fantastico, nell’enormità degli spazi, nella possibilità dell’occhio di spaziare indisturbato. Cosi comincia il nostro viaggio in Marocco, le nostre vacanze in Marocco. 

Facciamo un passo indietro: l’idea del treno c’era piaciuta sin da subito, era la soluzione migliore per visitare il Marocco ma allo stesso tempo, rappresentava un buon compromesso tra tempo ed avere quella giusta libertà.

L’arrivo in stazione:

Il formicolare in stazione comincia presto, sin dalle prime ore del mattino; tantissime persone bazzicano di fronte alle rotaie silenti della stazione di Rabat.

Nonostante fosse la stazione della Capitale, non molti locomotori passavano di li, appena giunti, cerchiamo di capire quale fosse il nostro binario.

L’aspetto più interessante era la quantità impressionante di persone che si era assiepata lungo la banchina.

Non era difficile da immaginare che tutta quella gente avrebbe preso il nostro treno.

Il ritardo infernale ci ha permesso di guardare con attenzione, tantissimi bambini avvolti in questi foulard, tantissime donne, tutti seduti per terra conoscenti dei ritardi delle ferrovie marocchine.

Avevamo prenotato un biglietto di seconda classe, senza sapere che differenze ci potessero essere con la prima.

marocco viaggi
In treno in Marocco

Viaggio in Marocco in seconda classe: una esperienza

Dopo aver controllato i biglietti nella hall della stazione (anche questa invasa da gente che cerca di dormire…), il treno arriva con più di un’ora di ritardo. Nonostante il grave ritardo nessuno protesta, tutti vivono la situazione con molta pacatezza nella assoluta normalità. Appena arriva il treno si capisce che qualcosa non quadra, valanghe di persone sono attaccate al treno, non ci sono posti a sedere. Dentro di te immagini che essendo la capitale, ci saranno numerose persone che scenderanno e quindi si libereranno dei posti a sedere….Nulla di tutto ciò ! Saliamo sul vagone assegnatoci, a malapena riusciamo a portare i bagagli a bordo, la quantità di persone che è presente al suo interno è inverosimile. Il treno riparte, a fatica ci facciamo spazio, riusciamo a recuperare quei 50 cm di spazio che ci consentono di respirare.

Il viaggio in seconda classe in Marocco è anche questo !

Cominci a capire che forse per il turista la seconda classe non è la scelta più idonea. Nonostante tutto da buon viaggiatore dentro di te senti di aver fatto la scelta giusta, di condividere il tuo tempo, il tuo spazio con la gente del posto. L’aria sotto il sole marocchino è arroventata. La prima ora scorre madida di sudore, senti lungo la schiena una maglia che non puoi può tenere addosso. D’improvviso, arriva una fermata a te sconosciuta, alla quale non avresti dato un euro… la gente comincia a scendere, si liberano dei posti a sedere, ti metti seduto, ringrazi il cielo di aver avuto la fortuna di essere al posto giusto al momento giusto.

La classe è la più economica, la maggior parte delle persone che è seduta accanto a noi è di sesso maschile. Nonostante tutto ci sono una grande quantità di bambini.

vacanze marocco

Non riusciamo ad entrare in un rapporto diretto con gli altri viaggiatori nonostante la lingua francese che parliamo discretamente. In vista delle ore di viaggio si crea subito una cooperazione totale: borse e valigie vengono smistate tutte insieme, ma alla fine ognuno resta assorto dai suoi pensieri. Nel viaggio interminabile in treno all’estero le difficoltà comunicative e il quantitativo ridotto di argomenti trattabili spingono continuamente a grandi riflessioni. Pensi alle differenze con i treni alta velocità di Trenitalia, pensi al servizio a bordo, alla wifi che a volte non funziona, qua molto è improvvisato.. ci si sposta salendo sopra il tetto di autobus, oppure dietro a mezzi di locomozione per lunghi tratti.

Fai un giro per sgranchirti le gambe e vedi uomini stanchi, corrugati di sudore sulla fronte, seduti sul vuoto o dritto sullo strapiombo, i bagni malmessi sono comunque un rifugio per aver un minimo di spazio a propria disposizione.

viaggi in marocco

Cala la sera, il treno piano piano arriva a Fez, un lungo viaggio, ci ha accompagnato, se da un lato ho avuto il dis-piacere di viaggiare in seconda classe, dall’altra viaggiando in seconda classe ho avuto modo di rendermi conto di cosa potesse significare.

Il treno si ferma, la gente scende, scene di vita rubate, famiglie che mangiano, bambini che giocano con i propri cari, gente che corre… un altro formicaio di gente si accalca verso l’uscita ma questa è un’altra storia !

Il nostro viaggiare con il passeggino è passata anche da questa piccola grande esperienza !

Valigia a due piazze e mezzo con un sorriso riparte, con alle spalle un viaggio in seconda classe, il nostro tour Marocco va avanti !

Check Also

la masseria

La Masseria Puglia | Vivere la tradizione rurale nel Salento

Cosa è la masseria ? Dolce vita in Puglia Sino a quando non arrivai di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial
Vai alla barra degli strumenti